Xylella, da metà luglio riprende il monitoraggio

Analisi di laboratorio verificheranno la presenza del batterio, per poi procedere, qualora sia presente, alla distruzione delle piante infette


xylella

Intorno a metà luglio inizierà nel Salento la seconda fase del monitoraggio per la ricerca di olivi eventualmente infetti dal batterio Xylella fastidiosa subsp. pauca ceppo Codiro. Lo afferma il direttore tecnico dell’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali (Arif), Matteo Totaro, sulla base del rinnovo della convenzione con la Regione Puglia fino al 31 dicembre 2017, sottoscritta insieme con il dirigente dell’Osservatorio fitosanitario regionale Silvio Schito.

«In base a quanto dispone il piano di azione per contrastare la diffusione della Xylella, di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 679 del 9 maggio 2017, le attività operative affidate all’Arif consistono essenzialmente in: monitoraggio, prelievo e consegna dei campioni vegetali ai laboratori di analisi, secondo il protocollo redatto dalla Sezione Osservatorio fitosanitario, rimozione e distruzione delle piante infette in sostituzione dei soggetti proprietari o conduttori inadempienti, distruzione presso le proprie strutture periferiche di piante oggetto di sequestro amministrativo».


Pubblica un commento