Trasmissione micrometrica nelle trattrici fra i filari

Dal cambio meccanico alla variazione continua i vantaggi non sono sempre scontati


filari

Nonostante le prime diffidenze iniziali le forti innovazioni introdotte sui sistemi di trasmissione anche nelle trattrici specifiche per vigneto e frutteto hanno convinto i produttori di questo comparto che nella maggioranza dei casi oggi le considerano indispensabili soprattutto per le più importanti operazioni colturali.

Il vecchio cambio meccanico che richiedeva il fermo macchina per poter variare la velocità di avanzamento o mantenere costante il regime del motore, e quindi il numero di giri della presa di potenza, ha da tempo lasciato spazio a sistemi di variazione della velocità cosiddetti sotto carico (vale a dire inseribile senza l’utilizzo della frizione), basati su principi di funzionamento differenti e che permettono anche micrometriche variazioni di velocità e ottimizzazione delle performance. Il numero di rapporti disponibili su di una moderna trattrice aumenta considerevolmente grazie alla disponibilità di una serie di cosiddette “mezze marce” che, a seconda del tipo di trasmissione, possono essere utilizzate all’interno di una marcia specifica, di una gamma di marce o di tutte le marce disponibili fino ad arrivare ai sistemi con variazione continua che, oltre a componenti elettroniche, presentano anche elementi idrostatici che rendono la micrometricità di regolazione del tutto simile a quella di un avanzamento idraulico.

 

Le perplessità iniziali

Le perplessità dei frutti-viticoltori nei confronti di questo tipo di trasmissioni, che non devono essere considerate importanti solo per le macchine che devono esercitare trazione su strada, erano in un primo momento riferite soprattutto alla maggiore complessità meccanica-tecnologica, all’affidabilità nel tempo dei nuovi sistemi e agli eventuali costi e tempi di manutenzione-riparazione. Da questo punto di visa le moderne evoluzioni introdotte, a vari livelli e secondo differenti principi, sulla quasi totalità dei modelli di trattrice sono oggi particolarmente affidabili, anche se inevitabilmente hanno contribuito a una ulteriore fidelizzazione nei confronti dei centri di assistenza delle specifiche marche, che oggi sono da considerare un percorso inevitabile e non solo per questo specifico aspetto meccanico.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 18/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento