Titoli, trasferimento in caso di compravendita

Può essere fatto solo con atto scritto


titoli

Domanda

Sono un Iap interessato all’acquisto di un fondo agricolo di circa 36 ha, dei quali due terzi a conduzione diretta e un terzo in affitto. La compravendita potrebbe aver luogo alla fine della presente annata agraria.

Mi risulta come regola generale che i precedenti titoli Pac, legati alla proprietà, siano stati ritirati da Agea nel giugno u.s. e che i nuovi titoli Pac siano stati assegnati all’affittuale conduttore del terreno.

Questi avrebbe dichiarato al proprietario la sua disponibilità a rilasciare il terreno (e penso anche i titoli Pac) nel caso di vendita del fondo.

Si domanda quale strada sia percorribile, escludendo il ricorso alla riserva nazionale, per poter far transitare al nuovo proprietario in caso di compravendita, detti titoli Pac. Si dà per scontata a tal fine la collaborazione del conduttore affittuale.

Risposta

Prima di rispondere al quesito, occorre riportare alcuni aspetti della normativa sui titoli.

Un aspetto importante da sottolineare è il fatto che la proprietà del titolo all’aiuto è disgiunta dalla terra che lo ha generato; infatti i titoli all’aiuto sono assegnati all’agricoltore che ha presentato domanda di assegnazione al 15 giugno 2015 e rimangono di sua proprietà, indipendentemente dalla proprietà del terreno.

Infatti, i titoli si possono utilizzare abbinandoli annualmente a qualsiasi particella di terreno, indipendentemente da quella che lo ha generato.

Il titolo all’aiuto è un diritto soggettivo, che si può trasferire o alienare in tutte le forme consentite: successione, affitto, vendita, ecc.

I titoli sono identificati univocamente con un codice che ne qualifica il valore; la titolarità e l’identificazione dei titoli è inscritta ed individuabile nel Registro nazionale dei titoli (RNT).

I titoli possono essere trasferiti solamente ad un agricoltore attivo.

Veniano ora al quesito del lettore. Si evince che l’affittuario è disponibile alla vendita dei titoli. Pertanto il lettore può acquistare i titoli dall’affittuario, intestandoseli con un trasferimento per compravendita. Il trasferimento dei titoli deve avvenire mediante atto scritto, tra il possessore dei titoli (affittuario) e l’acquirente. Questo atto è indipendente da quello dell’acquisto del terreno.

Come già detto, il trasferimento dei titoli può avvenire solamente a favore di un agricoltore attivo; il lettore, essendo Iap, non ha problemi, in quanto possiede i requisiti di “agricoltore attivo”.

Il trasferimento dei titoli deve essere comunicato, all’Organismo pagatore, tramite il CAA.

L’Organismo pagatore comunica ad Agea il trasferimento entro cinque giorni lavorativi; Agea è competente della tenuta e dell’aggiornamento del “Registro nazionale titoli”.


There are 2 comments

  1. Pietro

    Salve.
    Ho ereditato 9 ha di terreno con relativi titoli ma la conduzione dell’azienda è di mio figlio come imprenditore agricolo, perché è già lavoratore dipendente.
    In Confagricoltura mi hanno consigliato di vendere i miei titoli, perché a mio figlio gli spettano a titolo gratuito dalla riserva nazionale e inoltre mio figlio ha diritto a qualche agevolazione come giovane imprenditore agricolo.
    Grazie.

    1. Angelo Frascarelli

      I titoli sono in capo allo scrivente, mentre il possesso e la conduzione dei terreni è affidata al figlio.
      Il figlio è “giovane agricoltore”, pertanto può accedere alla riserva nazionale nella fattispecie A “giovani agricoltori” che garantisce l’assegnazione dei titoli, pari al numero di ettari ammissibili.
      Quindi lo scrivente-lettore può vendere i suoi titoli; quindi il suggerimento del Caa di vendere i titoli è corretto.
      Inoltre, il figlio “giovane agricoltore” beneficia del pagamento greening (se rispetta gli impegni del greening) e del “pagamento dei giovani agricoltori”, che è pari ad un del 25% del pagamento di base.
      Se poi il figlio “giovane agricoltore” svolge l’attività agricola come attività principale può beneficiare del premio di insediamento della misura 6.1 del Programma di Sviluppo Rurale.

      Angelo Frascarelli

Pubblica un commento