Spagna, finti pascoli. Sanzione Ue?

La Commissione indaga anche su Francia, Portogallo e Italia


spagna

Terreni “spacciati” per pascoli al fine di ottenere aiuti Pac. Anche la Spagna ha problemi con la classificazione dei pascoli tanto che si profila il rischio di una multa da Bruxelles per un importo di 290 milioni di euro. Assieme alla Spagna potrebbero essere sanzionati anche Francia, Portogallo e Italia.

Alla Corte dei conti della Comunità, la Commissione sta sviluppando un’offensiva contro questi pagamenti percepiti in modo illecito. Tra le irregolarità segnalate dalle autorità dell’Unione europea vi sono terreni a elevata pendenza dove il bestiamo non può accedere; terreni rocciosi o senza erba, e, infine, coperti da pini e altri alberi o cespugli che precludono l’accesso di animali a pascolare le aree.

Nel caso della Spagna, l’ammenda riguarda gli anni dal 2009 al 2013. In questo caso sono responsabili (per l’attuazione della Pac e il monitoraggio degli aiuti) le comunità autonome. Il ministero dell’Agricoltura starebbe negoziando con Bruxelles per ridurre la penalità.

Su una zona ammissibile agli aiuti Pac di circa 23 milioni di ettari (circa 4,5 miliardi euro in pagamenti diretti) si stima che verrebbero esclusi dagli aiuti di circa 3 milioni di ettari.


Pubblica un commento