Semine 2017: cresce il grano tenero, crolla il duro (-7,3%)

Le prime intenzioni di semina elaborate dall’Istat


Grano

Sono state recentemente divulgate le indagini ufficiali Istat sulle intenzioni di semina degli agricoltori italiani per il 2017.  Secondo quanto è stato rilevato dall’Istat è prevista una riduzione del 2,2% delle superfici a cereali rispetto alla precedente campagna agraria, riconducibile, essenzialmente, a una sensibile riduzione percentuale, su base nazionale, degli investimenti sul grano duro ( -7,3%) e sull’avena (-6,5%).  Il frumento tenero, da parte sua, e sempre secondo i risultati dell’indagine, potrebbe far registrare un incremento delle superfici del 3,7%.

L’Istat prevede altresì un incremento della diffusione dell’orzo (+4,2%), del mais (+1,1 %), del riso (+0,7 %) e del triticale (+5,4 %).

Per quanto concerne i semi oleosi, l’Istat prevede un incremento generalizzato delle superfici valutabile in +10,6% per la soia, +5,5 % per il girasole e +3% per la colza.

 


Pubblica un commento