Seminare per raccogliere

Conti alla mano, quando conviene l’acquisto aziendale o il conto terzi. Anche questa operazione è sempre più conveniente affidarla a un terzista. Ma per essere redditizi occorre programmazione


seminare

La crisi dei prezzi agricoli, per quanto annunciata da tempo, ha messo in ginocchio il settore primario, esasperando il dibattito fra le parti sociali.

La frase provocatoria pronunciata dal presidente della Cia, qualche mese fa, di sospendere le semine nel caso in cui il mercato dei cereali non avesse offerto prezzi più remunerativi, è una chiara testimonianza del senso di impotenza che attanaglia gli agricoltori. Ma è anche una dimostrazione palese, dato il livello di chi l’ha detto, di come questi scelgano ancora cosa produrre solo sulla base del sentimento corrente. Il problema, come ha sottolineato il Coordinamento Agromeccanici Italiani, è un altro: come hanno mostrato le dichiarazioni degli agricoltori, si continua a decidere quanto seminare solo sulla base dei prezzi correnti, senza pensare a cosa succederà al momento della raccolta. Ciò che manca è la programmazione, sia da parte degli agricoltori, sia da parte dello Stato.

I grandi produttori mondiali, nonostante siano caratterizzati da una politica economica liberista, hanno sempre cercato di programmare la produzione, per difendere gli interessi della parte più debole (e più numerosa). In Italia, evidentemente, questo non si può e non si vuole fare: dieci anni fa ci stupivamo che le camere di commercio austriache, già a metà luglio, distribuissero nelle nostre borse merci volantini con produzioni, quantità e caratteristiche tecniche del loro grano tenero.

Le produzioni su contratto

Nonostante siano trascorsi dieci anni, noi siamo ancora più indietro: al massimo qualche stima sulla produzione, ma non dati certi su quantità, qualità e caratteristiche merceologiche. Queste le mancanze del sistema. Ma gli agricoltori? Le produzioni su contratto stentano ancora a decollare perché l’agricoltore è sempre convinto di essere il più scaltro e di riuscire a piazzare il proprio prodotto, anche se scadente, a condizioni di favore. Considerando il fatto che gli stoccaggi privati sono minimi – la maggior parte dei produttori consegna i cereali in conto vendita – le prospettive di “farla in barba” al mercato sono pressoché nulle, senza contare gli aggi che lo stoccatore pretende per il tempo di giacenza. Spesso il prodotto risulta essere venduto solo alla fine della campagna di commercializzazione: un fatto davvero singolare, se pensiamo che l’industria di trasformazione lavora a ciclo continuo ed ha bisogno di rifornimenti cadenzati nel tempo.

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 45/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento