Radicchio, da stagionale a disponibile tutto l’anno

Questo ortaggio ha assunto una connotazione globale: è entrato a pieno titolo tra i prodotti che identificano l’offerta italiana sui mercati internazionali


radicchio

I radicchio, o meglio sarebbe dire i radicchi, perché si tratta di una famiglia di prodotti a cui afferiscono diverse tipologie, ha per anni contraddistinto l’offerta orticola veneta dei mesi invernali. Questo ortaggio ha tuttavia ormai da tempo superato i classici confini sia geografici che temporali di offerta, assumendo una connotazione ormai globale ed entrando a pieno titolo tra i prodotti che meglio identificano l’offerta italiana sui mercati internazionali.

Due sono stati i fattori che hanno contribuito a questo risultato: da un lato la selezione genetica dall’altro il perfezionamento delle tecniche di coltivazione e post-raccolta.

Selezione varietale gli ibridi la vera innovazione

Come per tutte le colture la base genetica rappresenta il principale fattore di produzione da cui dipende il risultato finale della coltivazione.

Per i radicchi la selezione è iniziata fin dal XV secolo; le attuali tipologie coltivate sono, infatti, il risultato di un lento e sapiente lavoro di selezione massale condotto negli anni dagli stessi orticoltori veneti che ha portato a costituire per ogni tipologia cultivar distinte per precocità in grado di essere coltivate nei diversi periodi dell’anno ampliando il calendario dell’offerta commerciale del prodotto.

Il vero fattore di innovazione in campo varietale è tuttavia rappresentato dall’avvento degli ibridi F1 reso possibile dall’adozione delle moderne tecniche di caratterizzazione molecolare e selezione assistita

Ciò, oltre a consentire un potenziamento della tradizionale selezione fenotipica, costituisce anche uno strumento oggettivo di identificazione a supporto delle politiche di rintracciabilità del prodotto.

Non vi è bisogno di ricordare i vantaggi dei prodotti ibridi in termini di performance produttive mentre merita sottolineare i risultati ottenibili in termini di incremento di standard quanti-qualitativi del prodotto contribuendone alla valorizzazione rendendo lo stesso maggiormente identificabile al consumatore finale.

( * ) Sales and Marketing Manager di T&T srl Agricola (società di Blumen Group spa)

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 26/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento