Quarta gamma, vince l’innovazione

La penetrazione delle insalate di IV gamma sfiora l’80% ed è cresciuta dell’1,7% nell’ultimo anno


IV gamma

È ripresina per le insalate di IV gamma. In base ai più recenti dati rilasciati dall’istituto di ricerca Nielsen, le vendite a volume e a valore nell’anno che termina il 12 giugno 2016 sono ammontate rispettivamente a 96.193 tonnellate e a 714.329.000 euro, pari a un +1,5% a volume e a un +0,7% a valore, rispetto all’anno precedente. E a un +3,2% a volume su maggio 2016. Il tutto dopo un inizio 2016 caratterizzato da un andamento negativo, che ha comunque riguardato il mercato dei beni di largo consumo confezionato nel suo complesso.

Per quanto limitata, la ripresa delle vendite d’insalate pronte è indice del fatto che il loro consumo è sempre più una consuetudine fra le famiglie italiane. La penetrazione delle insalate di IV gamma si avvicina all’80% ed è cresciuta nell’ultimo anno, avendo fatto registrare un +1,7%, che porta a circa 19 milioni le famiglie acquirenti.

«Aumenta in particolare – dichiara a Fresh Point Magazine Gianfranco D’Amico, presidente di Aiipa (l’Associazione italiana industrie prodotti alimentari – IV gamma)-, il numero degli acquirenti consolidati, quelli cioè che comprano insalate in busta due o tre volte la settimana. È tuttavia ancora difficile profilare il consumatore tipo, data la diffusione del consumo a livello globale. E il consumo pro capite rimane variabile e legato al livello di reddito e all’area geografica di residenza dell’acquirente».

Andando ad analizzare, più in dettaglio, le performance dei sotto segmenti della IV gamma, scopriamo che solo le insalate mono-varietali non stanno performando ai livelli degli anni precedenti. Prosegue invece la corsa dei prodotti più innovativi come i mix d’insalate, le crudité e le proposte ready to eat e/o ready to cook. Poiché però le prime rappresentano più dell’80% della categoria, la crescita a doppia cifra data dall’innovazione di prodotto non permette di compensare il rallentamento della domanda di mono-varietali.

C’è da chiedersi se praticità, qualità, sicurezza e innovatività delle insalate di IV gamma saranno plus in grado di garantire un consolidamento del trend positivo delle vendite.

La risposta di Aiipa è ni. «Per noi – osserva D’Amico – il modo in cui la categoria è offerta al consumatore finale è un punto di discussione molto importante, ancora più oggi che la IV gamma deve confrontarsi con prodotti dal forte valore aggiunto come i ready to eat/cook. Per questo è fondamentale una ridefinizione degli spazi a disposizione sul punto vendita. Crediamo che i tempi siano maturi per una riflessione congiunta industria-gdo per rivedere offerta, spazi e appeal del display».


Pubblica un commento