Il Psr finanzierà la banda ultra larga

Via libera allo sviluppo delle “autostrade” informatiche


Psr

L’Italia è fanalino di coda in termini di infrastrutture digitali e di copertura internet e l’accordo quadro Governo-Regioni, datato 11 febbraio 2015 e di durata quinquennale, tenta evidentemente di riconquistare terreno.

Un accordo che prevede l’impegno, da parte delle Regioni, a diffondere la banda ultra larga impiegando le risorse previste nell’ambito della programmazione dei Fondi strutturali comunitari, individuate nei rispettivi Por (Programmi Operativi Regionali) e Psr (Programmi di Sviluppo Rurale). Dall’altra parte il Mise si è impegnato nella gestione di un costante monitoraggio delle cosiddette aree bianche – dove cioè non esistono infrastrutture – in modo da poter garantire gli investimenti necessari così da sostenere gli obiettivi dell’accordo stesso.

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 09/2016 L’Edicola di Terra e Vita

 


Pubblica un commento