Assestamenti verso il basso –

Dopo la fiammata delle quotazioni conseguente al grande gelo di dicembre con il primo mercato di – lunedi’ 4 gennaio si e’ assistito a un assestamento dei prezzi verso il basso. Di fatto l’offerta proveniente dalle regioni del Sud Italia e’ aumentata e la domanda nei grandi centri urbani rimane piu’ debole di quanto si potrebbe supporre.

Prezzi dei prodotti ortofrutticoli (dal 28 dicembre al 4 gennaio)

orticoli

Dopo la fiammata delle quotazioni conseguente al grande gelo di dicembre con il primo mercato di lunedì 4 gennaio si è assistito a un assestamento dei prezzi verso il basso.

Di fatto l’offerta proveniente dalle regioni del Sud Italia è aumentata e la domanda nei grandi centri urbani rimane più debole di quanto si potrebbe supporre. Ad ogni buon conto un’analisi dettagliata dei prezzi fa constatare che, nonostante gli ultimi ribassi, le quotazioni si mantengano ben al di sopra di quanto verificato un mese fa. In ribasso le bietole, i carciofi (che erano però molto aumentati e si mantengono su buoni livelli) e ancora cavolfiori, i cavoli broccoli e i cetrioli (sono abbondanti gli arrivi dalla Spagna).

Per le orticole pesante il mercato delle cipolle, in netto ribasso le lattughe (le tipologie gentile costano di più rispetto alle Troca: dalla Campania 1,30 euro kg, da Veneto si oltrepassano anche 1,60 euro kg – le romana bionde a 1,50 euro kg circa).

Il commento completo e i prezzi dei prodotti ortofrutticoli su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html


Pubblica un commento