Le orticole verso il ribasso –

L’andamento delle quotazioni sui mercati appare abbastanza stabile con una certa tendenza al ribasso – esistono tuttavia eccezioni anche notevoli al rialzo. In generale i prezzi delle orticole si mantengono abbastanza elevati – anche in Spagna le raccolte sono fortemente condizionate dal maltempo e dalle basse temperature che hanno in precedenza colpito tutte le zone di produzione (Almeria, Murcia).

Prezzi dei prodotti ortofrutticoli (dal 18 al 25 gennaio)

carciofo.jpg

L’andamento delle quotazioni sui mercati appare abbastanza stabile con una certa tendenza al ribasso – esistono tuttavia eccezioni anche notevoli al rialzo.
In generale i prezzi delle orticole si mantengono abbastanza elevati – anche in Spagna le raccolte sono fortemente condizionate dal maltempo e dalle basse temperature che hanno in precedenza colpito tutte le zone di produzione (Almeria, Murcia). Durante la settimana si è avuto un cospicuo ribasso dei prezzi dei carciofi – i violetti standard sono infatti precipitati, lo stesso per i violetti Te.Ma. (Sardegna: 0,25-0,35 per unità) e per le tipologie spinose (0,28-0,35 euro unità) – i romaneschi extra a 1,40-1,50 euro per capolino.

In basso anche i prezzi dei cavolfiori e dei cavoli broccoli – specie entrambe caratterizzate da un’offerta sostenuta. Molto ricercate e poco offerte le melanzane, che hanno avuto quotazioni che sono schizzate in alto (questo prodotto manca anche in Spagna). Abbastanza rari anche i peperoni, che hanno avuto un rialzo anche rilevante. I pomodori sono stabili con l’eccezione dei ciliegini, che dopo settimane di prezzi soddisfacenti hanno perso oltre 20 cent/kg. Le zucchine rimangono su quotazioni eccezionalmente alte pur con un leggero ribasso (10 cent circa).

Il commento completo e i prezzi dei prodotti ortofrutticoli su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html


Pubblica un commento