Più latte sui mercati europei e crollano le quotazioni

Incontro organizzato dall’Adm, Associazione distribuzione moderna. Fine delle quote latte, liberalizzazione. E come previsto la produzione si impenna, in tutta l’Ue


latte

Fine delle quote latte, liberalizzazione. E come previsto la produzione si impenna, in tutta l’Unione europea.

L’Irlanda, per esempio, prevede un aumento della produzione pari al 50%. L’Austria punta sull’esportazione del latte, come Olanda e Germania che individuano le possibilità di accesso nei mercati emergenti. E, più in generale, le previsioni stimano circa del 13% l’incremento della produzione di latte vaccino a 10 anni per l’Europa dei 28.

Sono dati e tendenze emersi da una ricerca commissionata a Roberto Della Casa, dell’Università di Bologna, da Adm, l’associazione che rappresenta il settore della distribuzione moderna (Federdistribuzione, Ancc-Coop, Ancd-Conad). E resa pubblica in occasione di un incontro tenutosi nei giorni scorsi a Roma.

Ha confermato il trend, all’incontro di Roma, Mario Guidi di Agrinsieme: «C’è più latte sul mercato in Europa e ce ne sarà sempre di più, con un aumento dell’11-13% nei prossimi dieci anni. Se coniughiamo questa situazione di mercato a quella della riduzione dei consumi, si comprende come la filiera lattiero-casearia sia davvero a rischio sopravvivenza».

La ricerca di Della Casa ha sottolineato anche che l’Italia, malgrado uno sviluppo degli allevamenti di maggiori dimensioni, è ancora deficitaria di latte. E ha bisogno di ricorrere all’importazione per colmare circa un sesto del fabbisogno, con un aumento delle provenienze da alcuni Paesi dell’Est Europa a scapito di fornitori classici come Germania e Francia. Inoltre: «La domanda è in calo, in Italia le vendite di latte nella gdo stanno diminuendo del 5-6% nel 2015, ma incide anche la riduzione della richiesta da parte di grandi Paesi come la Cina».

Questa coincidenza tra flessione della domanda e aumento della produzione, si dice ancora nella ricerca Adm, «sta determinando una generalizzata riduzione dei prezzi del latte crudo alla stalla: nei principali Paesi europei (Francia, Germania, ma anche Slovacchia e Repubblica Ceca) nel 2015 abbiamo assistito a cali intorno al 20%». In Italia in particolare, ha detto ancora Della Casa, il prezzo del latte crudo alla stalla nel 2015 è crollato del 14% rispetto al 2014; e il prezzo all’origine di grana padano e parmigiano è diminuito rispettivamente del 7,2 e del 6,1%.

Di qui un dibattito, all’incontro di Roma, su come difendere la redditività dei produttori italiani di latte. Qui Ettore Prandini, vice presidente Coldiretti, ha denunciato: «Fatto cento il valore finale del litro di latte, la quota per l’agricoltura è scesa dal 19 al 14%, quindi qualcuno deve averne tratto profitto».

Di segno prevedibilmente opposto l’intervento di Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte: l’industria di trasformazione italiana «è storicamente in posizione di svantaggio rispetto ai concorrenti europei perchè il latte nazionale costa molto di più. Servono imprese competitive, con costi di produzione sostenibili».

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 09/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento