Piano giovani da 160 milioni

Sono operative le misure del pacchetto ‘Generazione Campolibero’. Martina: «Credito e innovazione per il ricambio generazionale»


giovani

Qualcosa si muove sul fronte delle politiche a sostegno dei giovani nel settore primario.

Il ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha reso noto che sono operative le misure del pacchetto ‘Generazione Campolibero’.

Mutui a tasso zero, credito per favorire l’imprenditoria giovanile, fondi per supportare la nascita e lo sviluppo di start up agri-food, ma anche più innovazione con il credito di imposta per il commercio elettronico di prodotti agroalimentari.

Un piano da 160 milioni di euro, tra risorse interne e fondi Ismea-Bei, che ha l’obiettivo di favorire il ricambio generazionale, sostenendo il comparto e creando nuovi sbocchi occupazionali.

«Nel 2015 abbiamo avuto quasi 20mila nuovi posti di lavoro per i giovani in agricoltura, con un incremento del 12% rispetto al +4% del settore e al +1% dell’occupazione in Italia. Sono numeri – afferma il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina – che ci dicono del potenziale di questo comparto e che vogliamo far crescere ancora. Il nostro obiettivo è anche quello di aumentare le imprese gestite da under 40. Oggi siamo al 5% del totale contro una media europea dell’8%. È una sfida cruciale, vogliamo liberare le energie giovani per dare forza alla nostra agricoltura. Nei due anni di Governo abbiamo costruito azioni utili proprio per raggiungere questo obiettivo. Dallo scorso anno abbiamo aumentato gli aiuti europei destinati alle aziende condotte da giovani del 25% per 5 anni. Con gli strumenti operativi da questi giorni interveniamo sul fronte cruciale del credito e del sostegno agli investimenti innovativi. Investire in agricoltura non significa guardare al passato, ma interpretare con strumenti nuovi il futuro. L’Italia può essere assoluta protagonista del rinnovamento agroalimentare europeo e lo dimostrano le tante esperienze che abbiamo valorizzato con Expo Milano 2015. Il Governo è in campo per consentire ai nostri ragazzi di avere i piedi nella terra e la testa al mondo».

Certo l’appeal del settore agricolo sembra in crescita generalizzata. Anche a livello di formazione scolastica.

In un focus ad hoc il ministero agricolo ricorda il forte aumento delle iscrizione alle scuole secondarie. «Nell’anno scolastico 2015-2016 – si sottolinea – sono stati 61mila gli iscritti alle scuole secondarie: 46mila nei settori enogastronomici e alberghieri più 15mila iscritti negli istituti tecnici e professionali agrari. Con un aumento del 44% rispetto all’anno precedente».

Ma ecco nel dettaglio le azioni del pacchetto Generazione Campolibero……

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 09/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento