Parola d’ordine per crescere: diversificare le attività

Floralia, l’azienda lodigiana guidata da Fabiano Oldani


diversificare

Il pollice verde ce l’ha nel sangue e non c’è pianta di cui non conosca vita, morte e miracoli. Perché tra i fiori Fabiano è cresciuto, aiutando fin da ragazzino la famiglia nella gestione della Floralia, azienda lodigiana di produzione e vendita di piante ornamentali e da fiore fondata dal papà esattamente 30 anni fa. Un lavoro, ma anche una grande passione, strutturata e resa solida con gli studi presso la scuola di Minoprio.

Poi nel 2000, a causa di problemi di salute del padre, Fabiano Oldani, oggi trentottenne, si ritrova titolare. «Avevo appena compiuto 21 anni e ricevetti una grande responsabilità: gestire una piccola impresa che dava lavoro a 15 persone». Ma i tempi erano sereni, le cose andavano bene e «io ragionavo con la testa di un giovane, guidato dall’entusiasmo. Volevo lasciare la mia impronta, fare qualcosa di nuovo».

Nel 2003 Floralia è la prima azienda agricola della Regione Lombardia ad essere accreditata come fattoria didattica. Partono corsi con i bambini e con i ragazzi delle scuole del territorio, che vengono in serra per conoscere più da vicino la natura. «Il progetto prosegue tutt’ora, anche se i fondi sono diminuiti enormemente e oggi siamo noi ad andare nelle classi a fare “lezione”. Non siamo insegnanti, ma operatori che cercano di trasmettere qualche sapere e tanta passione». Ogni anno l’azienda segue in media 15/20 classi e saltuariamente ha collaborato anche con l’Università (Insubria e Pavia) per affiancare l’imprenditorialità all’educazione.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 7/2017 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento