Organo-minerali, dosi più basse

Per Carlo D’Onofrio di Ari (Ch), agricoltore e contoterzista, la rotazione resta determinante


Senza titolo-2

«Ci siamo avvicinati a organici e organo-minerali dopo aver tentato varie soluzioni alternative. Da diversi anni utilizziamo con successo i concimi Scam e in particolare Nutrigran Top (organo-minerale NP). In questo modo siamo riusciti a scendere dalla dose dei 3-4 q/ha tipici dei concimi minerali ai 2 q/ha, oltretutto con rese più alte e prodotto di maggiore qualità. Questi concimi hanno il vantaggio di aumentare l’efficienza del fosforo e di agire coinvolgendo la microflora che agisce positivamente sulla fisiologia della coltura. Impieghiamo Nutrigran top oltre che su frumento, su mais (in questo caso aumentiamo la dose in quanto la coltura è più esigente) ma anche sui piselli e fagioli borlotti».

È questa l’esperienza dell’agrotecnico Carlo d’Onofrio dell’Azienda agricola D’Onofrio Antonio e Carlo di Ari (Ch), un’azienda di circa 200 ettari totali. Sono circa 130 gli ettari a seminativo (frumento e colture industriali), 72 ha a vigneto. La terra è in parte di proprietà e in parte in affitto. D’Onofrio è anche presidente della cooperativa Pian di Mare Wine di Villamagna (Ch) e svolge l’attività di contoterzista. Lavora in conto terzi su una superficie di 350-400 per lo più a vigneto, dove utilizziamo tre vendemmiatrici Pellenc.

 

Ottime rese qualitative

«Assieme al vigneto la nostra coltura più importante è il grano – ci spiega D’Onofrio – sul quale effettuiamo una concimazione di fondo utilizzando 2-2,5 q/ha di Nutrigran top (organo-minerale NP 12-24.5 a base di matrice umificata) in funzione della coltura che ha preceduto in frumento (chiaramente se c’è stata una leguminosa il terreno risulta di base più ricco)».

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 41/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento