Olio, sette istruttorie per sette etichette

L’inchiesta partita da Torino ipotizza il reato di frode in commercio


olio

Proprio mentre l’olivicoltura si sta risollevando (nel 2015 si prevede una buona produzione con 400mila t, circa il 30% rispetto alla campagna precedente), ecco che il buon nome del made in Italy subisce un altro brutto colpo. I rappresentati legali di sette aziende (Carapelli, Bertolli, Santa Sabina, Coricelli, Sasso, Primadonna e Antica Badia) sono stati iscritti nel registro degli indagati per frode in commercio dal procuratore Raffaele Guariniello. L’accusa è di aver venduto come “extravergine” un olio “vergine” (classificazione dichiarata in etichetta), quindi di categoria inferiore e meno costoso. L’inchiesta della procura di Torino, supportata dall’analisi di campioni prelevati dai Nas in alcuni supermercati, è poi stata trasferita con un provvedimento del procuratore capo Armando Spataro, alle procure di Firenze, Genova, Spoleto e Velletri (luoghi di produzione dei prodotti) sulla base di una nuova ipotesi: il problema potrebbe non essere una semplice questione di etichettatura, ma dipenderebbe dalla produzione di olio con materia prima proveniente dall’estero, Il trasferimento è stato motivato per “competenza territoriale”, con l’aggiunta al reato di frode in commercio quello previsto dall’articolo 517 del codice penale che punisce la vendita di prodotti industriali con segni mendaci e che prevede una reclusione fino a due anni per “chiunque pone in vendita o altrimenti mette in circolazione opere dell’ingegno o prodotti industriali con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull’origine, provenienza o qualità dell’opera o del prodotto”. Si aggiunge poi l’avvio di sette istruttorie per presunte pratiche commerciali scorrette nei confronti delle aziende sotto inchiesta da parte dell’Antitrust. La decisione dell’autorità garante della concorrenza e del mercato deriva dalle segnalazioni pervenute da un’associazione di consumatori.

 

Leggi l’articolo completo di box informativo su Terra e Vita 46/2015 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento