Con l’olio extravergine si riposa meglio

Contiene la melatonina, regolatore del ciclo sonno-veglia


extravergine

Le proprietà salutistiche dell’extravergine sono chiaramente riconosciute dal mondo scientifico. Uno dei primi studi che ha richiamato l’attenzione su questo prezioso alimento è stato condotto negli anni ‘60 da Ancel Keys che ha focalizzato l’attenzione sulla dieta mediterranea dimostrando che le popolazioni italiane e greche avevano un più basso livello di mortalità e una ridotta incidenza di malattie cancerogene e cardiovascolari rispetto ad altre popolazioni. Questo studio è diventato un importante punto di riferimento in quanto aveva preso in considerazione 12mila soggetti di diversi continenti (America, Europa e Asia). Dalla ricerca è emerso che la dieta mediterranea era caratterizzata dal consumo di cereali, vegetali, legumi, frutta e acidi grassi monoinsaturi (derivanti soprattutto dal consumo di olio prodotto dall’oliva) nonché da un moderato consumo di carni rosse, prodotti di pollo e di acidi grassi saturi e di una moderata assunzione di pesce, latte e prodotti lattiero caseari così come un regolare ma moderato consumo di vino.

Le conclusioni complessive dei diversi studi hanno confermato che l’adozione di questo regime alimentare riduce il rischio di soffrire di alcune patologie come malattie cardiovascolari e cerebrovascolari, diabete mellito, sindrome metaboliche, alcune forme tumorali, e malattie neurodegenerative.

In tutti i lavori di ricerca si è sempre fatto riferimento all’olio extravergine di oliva come sostanza grassa della dieta mediterranea.

Da qui, la grande quantità di studi e ricerche scientifiche che avevano l’obiettivo di analizzare la composizione dell’olio extravergine di oliva hanno messo in mostra la presenza di numerosi componenti bioattivi.

Infatti, il peculiare processo di produzione garantisce la conservazione nell’olio di diversi microcomponenti che in altre matrici lipidiche vengono perse per via del processo di trasformazione a volte poco attento alla conservazione della materia prima e dal successivo processo di raffinazione.

In grande quantità

Un interessante articolo pubblicato da Cristina De la Puerta dell’Università di Siviglia ha messo in luce la presenza di melatonina nell’extravergine in quantità più elevata rispetto ad altri oli. Come noto, la melatonina è una molecola prodotta nell’organismo umano dalla ghiandola pineale (o epifisi) che si trova alla base del cervello. Agisce sull’ipotalamo ed ha, tra le altre, la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che dall’organismo umano la melatonina è prodotta anche da animali, insetti, piante…… 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 38/2015 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento