Olii essenziali, una possibilità concreta per la difesa

L’estratto di arancio dolce, grazie a proprietà lipolitiche, è in grado di attaccare le membrane protettive esterne di alcuni insetti e funghi


difesa

È ormai ampiamente diffusa la possibilità di difendere le colture, sia orticole che floricole, con l’introduzione di acari ed insetti utili.

Questo genere di difesa generalmente chiamata “lotta integrata” è ormai una tecnica affermata in moltissime realtà ed, in relazione al nostro stivale, sempre in maggior espansione.

Diverse sono le motivazioni: dall’efficacia, alle nuove norme legislative che limitano l’impiego di prodotti fitosanitari, alle sempre maggiori richieste di mercato di prodotti “biologici” sui banchi di ortofrutta e supermercati.

Quale che sia la motivazione, le grosse aziende di prodotti per la difesa delle colture si adeguano a questi sviluppi suggerendo soluzioni che rispondano alle richieste di residuo zero e sostenibilità ambientale.

Ecco che allora non si cerca di sostituire la lotta con gli organismi utili, non la si contrasta, bensì la si sostiene con prodotti compatibili e consentiti in agricoltura biologica a basso impatto ambientale e residuale: gli olii essenziali.

Nel dettaglio affrontiamo le strategie di impiego di un prodotto a base di olio essenziale di arancio dolce, debitamente registrato presso il Ministero della Salute e consentito in agricoltura biologica.

Il principio attivo, appunto l’olio essenziale di arancio dolce, viene estratto tramite spremitura meccanica a freddo di bucce di arance di coltivazioni biologiche, ottenendo così un olio di qualità e purezza ottimali e senza residui di inquinanti. Ne risulta un prodotto innovativo con interessanti campi di applicazione.

La registrazione infatti è doppia: sia come insetticida che come fungicida.

 

Modalità d’azione

L’olio essenziale di arancio dolce presenta proprietà lipolitiche ed è quindi in grado di attaccare le membrane protettive esterne di alcuni insetti e funghi. Questo principio attivo è stato sapientemente miscelato con una serie di coformulanti che permettono al prodotto di aderire perfettamente alle superfici cerose dei numerosi target e alle superfici vegetali, senza ovviamente causare alcun danno.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 24/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento