Nuovo regolamento europeo per i trattori stretti

Approvate le disposizioni per le emissioni gassose prodotte da macchine mobili non stradali. La normativa fissa parametri severi per la tutela ambientale, ma riconosce la specificità dei trattori per vigneto e frutteto, che potranno passare dall’attuale “Fase III b” direttamente alla “Fase V” nel 2021


inail

La complessa vicenda relativa ai “trattori stretti” si è conclusa in modo positivo per l’industria italiana. Il Parlamento europeo ha finalmente approvato, in via definitiva e a larghissima maggioranza, il nuovo regolamento sulle emissioni delle macchine mobili non stradali che riguarda anche i trattori specializzati per vigneto e frutteto (i trattori stretti appunto).

La nuova normativa, che nasce da una complessa negoziazione con la Commissione e con il Consiglio, prevede limiti di emissioni e tempi di adeguamento abbastanza serrati per molte categorie di mezzi in uso nelle applicazioni non stradali; e recepisce la richiesta, formulata dai costruttori europei ed italiani di macchine agricole, di una regolamentazione ad hoc per i trattori specializzati.

Nella definizione della normativa è stata riconosciuta la difficoltà oggettiva ad applicare sui trattori specializzati i voluminosi dispositivi di post-trattamento dei gas combusti, a meno di non stravolgere le dimensioni delle macchine stesse e quindi la loro funzionalità.

In termini di tempistica il testo stabilisce per i trattori stretti  il mantenimento in vigore delle norme relative alla “Fase III b” in pratica sino al 2021, e dopo questa data l’adeguamento delle macchine direttamente ai requisiti fissati per la “Fase V”.

«Questa soluzione consente di saltare un passaggio intermedio (Fase IV) che avrebbe costretto le industrie a riprogettare le macchine per un brevissimo lasso di tempo per poi modificarle nuovamente dopo il 2021 – spiega Manlio Martilli, Presidente di Assotrattori (FederUnacoma) – e rappresenta l’opzione più corretta per l’industria italiana, che ha proprio nei trattori stretti uno dei suoi prodotti d’eccellenza e che mira a conciliare l’adeguamento alla normativa con le necessità degli agricoltori e con le esigenze di massima funzionalità dei mezzi meccanici”.

Il nuovo regolamento introduce parametri molto esigenti in termini di salvaguardia ambientale.

“Il nuovo regolamento pone l’industria europea ai vertici per quanto riguarda il controllo delle emissioni, giacché a partire dal 2019 avremo nel continente i limiti più severi al mondo – aggiunge il Presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni –ma tiene anche conto delle economie industriali e delle metodologie per la ricerca e l’innovazione, che hanno un’importanza prioritaria per un settore come il nostro ma che hanno precisi tempi di programmazione e di sviluppo».

 

 


Pubblica un commento