Nuovi Co.Co.Pro. e loro stabilizzazione

Per chi decide di procedere alla stabilizzazione dei co.co.co. è stata offerta l’opportunità di usufruire dell’esonero contributivo previsto dalla legge di Stabilità 2016


presto

Il Mipaaf con la circolare n.3 del 1° febbraio 2016 ha fornito indicazioni relative alla nuova disciplina dei co.co.co., anche a progetto, prevista dal Dlgs. n.81/2015.

Tale disposizione ha previsto l’applicazione della disciplina del rapporto di lavoro subordinato per le seguenti tipologie di contratti di collaborazione:

–   quelle stipulate dopo il 25/6/2015;

–   dal 1°/1/2016, per quelle organizzate dal committente che si concretizzano in una “prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale” la cui esecuzione è organizzata dal committente anche con riferimento sia ai tempi che al luogo dove si svolge la prestazione.

Per chi decide di procedere alla stabilizzazione dei co.co.co. è stata offerta l’opportunità di usufruire dell’esonero contributivo previsto dalla legge di Stabilità 2016.

Nel caso in cui un collaboratore, operante all’interno di un’organizzazione datoriale, svolga la propria prestazione lavorativa presso luoghi indicati dal committente, rispettando determinati orari si dovrà applicare la disciplina relativa al lavoro subordinato, purchè le prestazioni siano svolte in modo continuativo e esclusivamente personale.

Le prestazioni che si ripetono in modo continuativo sono quelle che si svolgono in modo ripetuto in un determinato arco temporale e hanno come finalità quella di far conseguire una reale utilità. Per prestazioni “esclusivamente personali” devono intendersi quelle svolte personalmente dal titolare del rapporto di lavoro, senza che ci sia aiuto da parte di altre persone.

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 07/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento