Mais, micotossine a livello medio-alto

A fronte di una buona resa alla fine di agosto le simulazioni per gli areali maidicoli della pianura padana, attraverso appositi modelli matematici hanno stimato, per le epoche di semina (settimane dal 15/4 al 30/4) un livello di rischio contaminazione medio alto


micotossine

Alla fine di agosto le simulazioni per gli areali maidicoli della pianura padana, attraverso appositi modelli matematici (che, si ricorda, vengono elaborate esclusivamente attraverso parametri meteorologici e non prendono in considerazione le condizioni colturali) hanno stimato, per le epoche di semina (settimane dal 15/4 al 30/4) un livello di rischio contaminazione da fumonisine (FB1 e FB2), MEDIO-ALTO. Alla stessa maniera viene stimato un basso rischio di contaminazione da aflatossine MEDIO-ALTO. É utile ricordare che le stime vengono progressivamente aggiornate e pertanto solo le previsioni a stagione inoltrata forniranno il rischio di contaminazione della granella alla raccolta con un grado di attendibilità maggiore. Pertanto, a fronte di una resa quantitativamente buona, si prevede un rischio complessivo di contaminazione micotossigena mediamente elevato.

Interventi “mitiganti”

Tuttavia è bene ricordare che le operazioni colturali (gestione del terreno, trattamenti, irrigazione, raccolta) possono ridurre o aumentare il rischio di contaminazione micotossine e modificare quanto previsto dalla simulazione climatica. Si ricorda che il rischio considerato è quello di superare 4.000 ppb alla raccolta (limite FB1+FB2 per alimentazione umana) mentre il rischio considerato per le aflatossine è quello di superare 5 ppb alla raccolta (limite riferito ad AFB1 per alimentazione umana).

Fusariosi e aspergillosi, maggiori avversità per la coltura, non sono però le uniche avversità fungine per il mais. L’elmintosporiosi è un’avversità di secondaria importanza in confronto a quelle causate dai patogeni micotossigeni che in qualche annata può lasciare il segno. Principalmente fra le specie fungine appartenenti al genere Helminthosporium, quelle che maggiormente si ritrovano coinvolte nelle epidemie di maculature e disseccamenti fogliari del mais, sono principalmente turcicum e Helminthosporium maydis.


Pubblica un commento