Al Lingotto di Torino l’8° edizione di Forlener

Nella nuova sede dal 25 al 27 settembre torna la principale manifestazione nazionale della filiera del legno-energia


forlener

La valorizzazione energetica delle biomasse agroforestali, quelle che in molti definiscono con un’immagine evocativa il nostro “petrolio verde”, rappresenta a tutti gli effetti uno dei fattori strategici per la crescita economica dell’Italia in chiave sostenibile. Eppure le numerose incertezze sul piano normativo e le contraddizioni sul quadro degli incentivi, rendono ancora lontano quel dovuto riconoscimento del loro ruolo nell’economia italiana. Fondamentale, in tal senso, è favorire le occasioni di incontro in cui i vari attori delle filiere bioenergetiche si possano confrontare sulle strade corrette da intraprendere.

Dal 2001 Forlener è la principale manifestazione nazionale che valorizza e mette in mostra prodotti, servizi e tecnologie secondo una logica di filiera: dalla gestione forestale, al taglio, raccolta e prima lavorazione del legno, fino alla sua valorizzazione energetica ai vari livelli di potenza, riscaldamento domestico e produzione di energia termica ed elettrica in cogenerazione.

A Forlener le aziende hanno la possibilità di presentarsi e interagire con i potenziali clienti mettendo in funzione in piena efficienza e sicurezza i propri macchinari e attrezzature o gli impianti termici.

 

La nuova sede al Lingotto Fiere

Dopo le edizioni “storiche” di Biella e l’esperienza di transizione a Vercelli nel 2013, quest’anno dal 25 al 27 settembre Forlener, giunta all’ottava edizione, conquista un posto di rilievo nel capoluogo del Piemonte.

Forlener approda al Lingotto Fiere di Torino nel cuore produttivo e direzionale del nord ovest. Con la nuova sede, la manifestazione acquisisce maggior visibilità e rafforza il suo messaggio innovativo. Le superfici espositive si dividono tra il grande Padiglione n. 3 (oltre 12.800 mq) e l’attigua area esterna dimostrativa destinata alle prove della meccanizzazione forestale e all’accensione di apparecchi termici.

 

A chi è rivolta la manifestazione

Forlener è al contempo sia un evento di settore con un pubblico qualificato e profilato di operatori, sia una fiera commerciale rivolta all’utenza pubblica e privata; è l’appuntamento per le imprese forestali che vogliono aggiornarsi sulla propria attività; per installatori termotecnici, progettisti, energy managers e consulenti che vogliono conoscere i vantaggi dell’energia rinnovabile dal legno; per il privato che intende riscaldare la propria casa in modo naturale ed ecologico; per quanti vogliono crearsi un’opportunità di lavoro nella green economy legata alla risorsa legno.

 

Tutti gli appuntamenti

Le principali iniziative sono in dettaglio:

–   Le visite guidate alle dimostrazioni della meccanizzazione forestale con esperti del Cnr Ivalsa che accompagnano i visitatori lungo percorsi didattici.

–   La 4a edizione del Premio Innovazione Forlener dove una selezionata giuria di tecnici ed esperti di riconosciuto valore, premia e segnala al pubblico le migliori novità tecniche in fatto di qualità, resa, sostenibilità ambientale e innovazione.

–   Nell’area esterna del Lingotto, la Coldiretti in collaborazione con Aifor (Associazione istruttori forestali) organizza il Corso F2, per il corretto uso e la manutenzione della motosega. In padiglione sempre Coldiretti Torino, con Campagna amica, presenta ai visitatori una rassegna di prodotti enogastronomici della montagna piemontese.

–   Presso lo stand istituzionale di Anfus (Associazione nazionale fumisti e spazzacamini), partner tecnico scientifico di Forlener, viene allestita un’area didattica incentrata sugli impianti fumari, e trattati i temi delle agevolazioni fiscali, dei regimi Iva e del nuovo libretto di impianto. L’Agenzia casa clima, network Piemonte e Valle d’Aosta, presente per la prima volta a Forlener, si presenta a fianco di Anfus con un ricco programma incentrato sulla filiera “dalla foresta agli impianti domestici a biomassa”.

–   Il Cna di Torino, presso il proprio stand in Fiera, offre informazioni utili sulle detrazioni fiscali per gli interventi di risparmio energetico domestico e per l’acquisto di apparecchi termici a biomassa.

–   Con partenza in pullman dalla Fiera, sono organizzati dei tour guidati per conoscere direttamente le “best practice” sul territorio piemontese, ovvero i migliori impianti alimentati a biomassa legnosa presentati dai tecnici che li hanno realizzati.

Molti sono gli appuntamenti per l’aggiornamento tecnico scientifico di professionisti e tecnici di settore durante la fiera.

 

Venerdì 25 settembre

Biomasse forestali dalla A alla Z – La giornata inaugurale della manifestazione si apre con la presentazione del libro “Biomasse legnose: petrolio verde per il teleriscaldamento italiano” pubblicato dalla Fiper (Federazione italiana, produttori di energia rinnovabile). Una ricerca di 247 pagine che analizza tutta la filiera di trasformazione della biomassa legnosa in energia termica, compresi gli effetti prodotti sulla qualità dell’aria, e che illustra le classiche “best practice” in tema di teleriscaldamento a biomassa. Il volume sarà presentato da Walter Righini, presidente Fiper e da alcuni degli autori.

Gestioni innovative delle proprietà forestali, contoterzismo forestale e conversione a colture energetiche – I proprietari boschivi, i consorzi forestali e le imprese di settore si confronteranno sul tema delle forme di gestione innovative delle proprietà forestali all’interno di un seminario curato da Franco Gottero, responsabile del settore bioenergie di Ipla (Istituto per le piante da legno e l’ambiente). Un secondo tema affrontato è la gestione, sempre più imprenditoriale, di tutta la filiera. Sempre più imprese forestali si specializzano in una sola delle fasi di lavorazione del bosco, una sorta di contoterzismo forestale, che con determinate attrezzature consente di ridurre tempi e costi di produzione. Per i Dottori Agronomi e Dottori Forestali saranno riconosciuti i crediti formativi.

Nella stessa giornata, a cura del Crea e l’analisi dell’economia agraria nelle due Unità di ricerca ING (ingegneria agraria) e PLF (produzioni legnose fuori foresta), saranno presentati i risultati del progetto SUSCACE “Supporto scientifico alla conversione agricola verso le colture energetiche”.

Al convegno verranno evidenziate le operazioni inerenti alle coltivazioni arboree, in particolare pioppo, salice, eucalipto e robinia.

Gli incontri dedicati ai progettisti, imprese edili e installatori – Anfus organizza un corso sulla corretta progettazione e costruzione di impianti di camini e canne fumarie in edifici ad energia quasi zero, rivolto a progettisti, imprese edili e installatori.

Stato di attuazione del Reg. Ue n. 995/2010 sulla Dovuta diligenza nella raccolta e commercializzazione del legno e le relative ricadute per gli operatori locali – Tema “caldo” per gli operatori industriali e commerciali del legname, così come per le imprese boschive, affrontato in un incontro organizzato dall’Università di Torino e curato dal professor Roberto Zanuttini. Il convegno propone gli ultimi aggiornamenti sul recepimento e l’implementazione dell’EUTR a livello nazionale: le ricadute sugli operatori della filiera legno, le indicazioni sui primi controlli da parte dell’Autorità competente e le relative sanzioni gli strumenti per soddisfare i requisiti di legge, gli ambiti di possibile illegalità riscontrabili. Per i Dottori Agronomi e Dottori Forestali saranno riconosciuti i crediti formativi.

 

Sabato 26 settembre

Il 4° Pellet day – L’evento si propone di fare il punto su tre principali tematiche che interessano sia gli attori della filiera del pellet di legno che i consumatori: gli aspetti di mercato, la produzione sostenibile e di qualità e gli strumenti economici.

La giornata è curata dal prof. Giovanni Riva del Comitato termotecnico italiano e dal prof. Giuseppe Toscano del Laboratorio biomasse dell’Università Politecnica delle Marche. Si parlerà anche di agripellet, con dimostrazioni di cantiere con potature di vite e piante arboree in generale.

Il nuovo Psr e la riforma del Regolamento forestale piemontese – La Coldiretti con la partecipazione di Regione Piemonte e le associazioni del settore forestale piemontese, tiene un incontro pubblico che introdurrà le misure forestali del prossimo Psr e le novità inerenti il Regolamento Forestale.

Non solo energia: filiera del legno per l’edilizia in Piemonte – consolidamento e competitività – Il workshop si pone come obiettivo la divulgazione dei risultati di tre gruppi di lavoro nell’ambito del progetto Europeo Ace ( Achieving cluster excellence) rivolto a favorire la competitività e il consolidamento delle imprese del settore e stimolare la discussione sul tema “filiera del legno per l’edilizia”. La strategia e le azioni del progetto sono state sviluppate attraverso l’istituzione di tre gruppi di lavoro: Formazione e promozione della filiera, Normativa e certificazione, Ricerca e sviluppo di soluzioni innovative.

 

Domenica 27 settembre

La simulazione di un incendio di un tetto – Tra le novità di questa edizione, gli esperti di Anfus animeranno una spettacolare dimostrazione su cosa può succedere quando viene trascurata la manutenzione delle canne fumarie e/o dell’utilizzo di legna non correttamente stagionata. La dimostrazione simulerà un incendio di un tetto in legno di una struttura allestita per l’occasione con un impianto di riscaldamento dotato di una canna fumaria mal funzionante.

 

Per informazioni: www.forlener.it


Pubblica un commento