Le ultime notizie da Camera e Senato (5-9 giugno)

Una settimana di Cronache dal Palazzo. Approvato, in prima lettura, dal Consiglio dei Ministri del 9 giugno, il decreto legislativo recante disposizioni concernenti il mercato interno del riso


commissione agricoltura

Una riforma attesa da anni che punta a semplificare le norme, valorizzare di più le varietà tradizionali italiane e dare più trasparenza in etichetta al consumatore – come ha rilevato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina – è stata avviata con l’approvazione, in prima lettura, dal Consiglio dei Ministri del 9 giugno, del decreto legislativo recante disposizioni concernenti il mercato interno del riso. Il provvedimento attua la specifica delega prevista dal “collegato agricolo”.

CAMERA

Dopo una breve permanenza in Aula a Montecitorio, la legge elettorale è tornata in Commissione Affari costituzionali dopo i forti contrasti tra i vari gruppi politici a seguito dell’approvazione di un emendamento, con il voto contrario della maggioranza, ad opera di franchi tiratori.

La Commissione Agricoltura, oltre a proseguire l’esame, per il parere, della Legge europea 2017 ha iniziato la valutazione di una proposta di legge di Venittelli (Pd) sull’autorizzazione alla ratifica della Convenzione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil) sul lavoro nel settore della pesca che entrerà in vigore a livello internazionale il 16 novembre 2017. L’opportunità della ratifica anche da parte italiana scaturisce dal fatto che la Convenzione può contribuire a migliorare la situazione settoriale nel nostro Paese, ove si assiste a un calo del numero di infortuni, ma ad un preoccupante incremento delle malattie professionali correlate alla pesantezza del lavoro in tutte le fasi della pesca.

Nello stato di previsione della spesa del Mipaaf per l’anno 2016, relativo a contributi ad enti, istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi sono state ammesse a riparto per il 2016 somme pari a 380.881 euro. La Commissione Agricoltura ha iniziato l’esame del relativo schema di decreto ministeriale che prevede l’assegnazione al Crea di 157.380 euro e di complessivi 223.501 euro a tre Organismi internazionali che operano nel settore agricolo (Organisation Europeenne et Mediterraneenne pour la Protection des Plantes, Comitato italiano per l’irrigazione e la Bonifica Idraulica (che aderisce all’Icid internazionale), Europeenne Federation de Zootechnie e a tre Dipartimenti universitari italiani (Parma, Palermo e Bari).

Dopo aver iniziato l’esame di una risoluzione di Luciano Agostini (Pd) che chiede l’impegno del Governo per scongiurare il rischio di una penalizzazione comunitaria per il nostro Paese con la riduzione della quota di pesca italiana di pesce spada di oltre il 5 per cento, in luogo della riduzione del 3 per cento annuo dal 2018 al 2022, prevista dal piano di ricostituzione per questo pesce, la Commissione Agricoltura ha proseguito la discussione di tre risoluzioni di Romanini (Pd), Mongiello (Pd) e Gallinella (M5S) a sostegno della filiera del pomodoro. Nel corso del dibattito sono stati evidenziati, il funzionamento non efficiente degli strumenti aggregativi del settore, ma soprattutto la centralità del tema dell’etichettatura dell’origine della materia prima che si pone non solo con riferimento al pomodoro, ma anche a tutte le produzioni agroalimentari monoingrediente o con un ingrediente prevalente, rispetto alle quali occorre dare certezze ai consumatori.

SENATO

Per consentire i lavori della Commissione Bilancio di Palazzo Madama, impegnata nella discussione del decreto legge in materia finanziaria (“manovrina”), già approvato dalla Camera, l’Aula e le altre Commissioni permanenti del Senato non hanno tenuto sedute. Alla ripresa saranno all’esame dei senatori anche le mozioni sulla politica agricola comune.


Pubblica un commento