Lattuga, come difendersi da afidi ed elateridi

Esistono diversi principi attivi per contrastare afidi, elateridi, nottue terricole e fogliari, chiocciole e limacce


Limaccia

Nel corso del ciclo colturale la lattuga può essere oggetto di gravi infestazioni prodotte da alcuni fitofagi la cui capacità distruttiva nei riguardi dell’apparato vegetativo compromette del tutto o in parte il valore commerciale del prodotto alla raccolta. Per tale motivo la difesa fitosanitaria della coltura nei confronti di detti parassiti assume un ruolo strategico e presuppone il costante monitoraggio in campo, per adottare tempestivamente provvedimenti atti a evitare, o a contenere, i danni da essi prodotti.

Gli afidi rappresentano un grave problema fitosanitario poichè impediscono la formazione del cespo; inoltre la loro presenza sulle piante disincentiva il consumatore all’acquisto del prodotto infestato. Ai danni diretti si associano spesso quelli indiretti in quanto gli afidi, con le loro punture, sono in grado di trasmettere alle piante virus semipersistenti o persistenti. La difesa delle piante attaccate deve essere pertanto intrapresa precocemente, a inizio infestazione.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 13/2017 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento