La verifica dei redditi extra-agricoli

Agricoltore attivo in caso di affitto dei terreni



Domanda

Il proprietario (A) dei terreni dal 2003 ha affittato tutti i terreni di proprietà ad un imprenditore (B) (non Iap) che ha sempre presentato domanda Pac e ottenuto titoli definitivi il 1/4/2016.

Ora l’agricoltore (B) riconsegna i terreni e vende i titoli al proprietario (A), il quale non ha mai presentato domanda Pac; e ha in questi giorni acquisito p. Iva agricola; l’importo dei titoli acquistati è superiore al 5% dei proventi derivanti da attività non agricole del proprietario (A) dei terreni. Chiedo:

–   il proprietario (A) può fare domanda Pac per il raccolto 2016?

–   ha diritto all’importo dei titoli che ha comprato?

Il proprietario (A) ha le caratteristiche dell’agricoltore attivo?

Risposta

Il proprietario (A) può essere “agricoltore attivo” se rientra in una delle tre deroghe. Il lettore segnala che il proprietario (A) rientra nella deroga che prevede: l’importo annuo dei pagamenti diretti è almeno pari al 5% dei proventi totali ottenuti da attività non agricole nell’anno precedente. Il caso, però, presenta una particolarità: il proprietario (A), nel 2015 (anno precedente), non ha presentato la Domanda unica, quindi non ha ricevuto i pagamenti diretti. In tale situazione la norma prevede: “Se un agricoltore non ha presentato domanda di aiuto per i pagamenti diretti nell’anno fiscale più recente per cui sono disponibili le prove dei proventi di attività non agricole, l’importo è ottenuto moltiplicando il numero di ettari ammissibili dichiarati dall’agricoltore nell’anno di presentazione della domanda di aiuto per il pagamento medio nazionale del sostegno diretto per ettaro per l’anno fiscale più recente” (Circ. Agea n. ACIU.2016.121 del 1/3/2016 – pag. 9).

Quindi il proprietario (A) deve fare i conti……

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 20/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento