Per la Pac il 2018 è già anno di revisione

Per il Commissario Hogan si tratta solo di semplificare


pac

04“Regolamento omnibus”, questo è il nome della rivisitazione della Pac 2014-2020, presentata dalla Commissione europea il 14 settembre 2016 e che sarà approvata entro un anno, per entrare in vigore dal 1° gennaio 2018 (tab. 1).

Il Commissario Phil Hogan precisa che non si tratta di una riforma, ma di un impegno di semplificazione della Pac, che aveva assunto fin dall’inizio del suo mandato.

I cambiamenti sono prevalentemente di natura tecnica e non modificano né il livello di sostegno agli agricoltori, né gli strumenti della Pac. Rimangono quindi confermati i pagamenti diretti spacchettati (pagamento di base, greening, giovani agricoltori, accoppiato, piccoli agricoltori), le attuali misure di mercato e le misure della politica di sviluppo rurale.

Dal Qfp alla Pac

Le nuove misure incluse nel Regolamento omnibus partono del pacchetto di revisione del Qfp (Quadro finanziario pluriennale), un obbligo previsto dai regolamenti comunitari approvati nel 2013, che impegnava le Istituzioni comunitarie ad una revisione di bilancio entro il 2018.

Anche la revisione della Pac è inclusa nel Regolamento omnibus, con modifiche che riguardano tutti e quattro i regolamenti di base della Pac (tab. 2, fig. 1):

–   i pagamenti diretti (Reg. 1307/2013);

–   il regolamento Ocm (Reg. 1308/2013);

–   lo sviluppo rurale (Reg. 1305/2013);

–   il regolamento orizzontale (Reg. 1306/2013).

Secondo il Commissario Hogan, le nuove misure sono volte a semplificare la politica al fine di alleggerire il carico di lavoro e rendere la vita più facile sia per gli agricoltori e per le autorità nazionali. La maggior parte delle nuove misure sono di natura tecnica, che hanno l’ambizione (speriamo!) di semplificare la Pac.

 

Pagamenti diretti

Le misure relative ai pagamenti diretti sono relative ad alcuni meccanismi di attuazione dell’attuale Pac. Non ci sono novità sul fronte del livello di sostegno e rimangono in vigore tutte le regole attuali.

 Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 39/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento