Irap, deducibile l’intero costo del lavoro

Dalla base imponibile. Tutte le novità previste dalle ultime leggi finanziarie


irap

Sulla base dell’art. 11 del Dlgs. n. 446/97 e dell’art. 1, c. 266, della L. n. 296/2006, sono ammesse in deduzione dalla base imponibile ai fini Irap i “contributi per le assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro”. Importante ricordare come la deduzione si applichi secondo il principio di cassa ai soggetti che determinano la base imponibile Irap mediante il riferimento alle risultanze della contabilità Iva; per gli altri soggetti si applica il criterio di competenza.
A partire dall’anno d’imposta in corso al 31 dicembre 2014, in materia di deducibilità dalla base imponibile Irap si applicheranno due nuove disposizioni, contenute nelle leggi di Stabilità 2014 e 2015:
– l’art. 1, c.132, della L. n.147/2013 ha introdotto la possibilità per i datori di lavoro che incrementano il loro livello occupazionale a tempo indeterminato di portare in deduzione dalla base imponibile Irap il costo sostenuto per ciascun dipendente neo-assunto (co. 4-quater dell’art. 11 del Dlgs. n. 446/97). La deduzione spetta per il periodo d’imposta in cui è avvenuta l’assunzione e per i due successivi (dunque per un massimo di tre anni) nel limite di € 15.000 annui per ciascun nuovo lavoratore;
– l’art. 1, c.20 della L. n. 190/2014 ha introdotto la deducibilità dalla base imponibile Irap dell’intero costo del lavoro. Il comma 4-octies all’art. 11 del Dlgs. n. 446/97, prevede che anche ai datori di lavoro dell’agricoltura (produttori agricoli titolari di reddito agrario) è applicabile la deduzione integrale dalla base imponibile Irap del costo complessivo sostenuto per lavoro dipendente a tempo indeterminato, eccedente l’ammontare delle deduzioni riferibili al costo medesimo e ammesse in deduzione; se la sommatoria delle deduzioni vigenti e previste dall’art. 11, del Dlgs. n. 446/97, è inferiore al costo del lavoro sostenuto dall’imprenditore, spetta un’ulteriore deduzione fino a concorrenza dell’intero importo dell’onere sostenuto.

Tutti i particolari applicativi nell’articolo di Massimo Mazzanti su Terra e Vita n. 22/2015 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento