Le innovazioni varietali del melone

Non solo bello, gustoso e serbevole, ma anche resistente alle malattie. Alcuni esempi


melone

Prima il retato italiano classico, poi il Cantalupo retato suturato, lo Charentais, il gialletto, il Piel de Sapo e così via. Appartengono a diverse tipologie le novità varietali di melone, ma tutte indirizzate verso un frutto dolce, aromatico, profumato e anche bello da vedere, ottenuto da pianta rustica, sana e produttiva, dotato di ottima conservabilità in campo e post raccolta. Numerose sono le società sementiere, attive in Italia, operanti sul melone: ecco le ultime novità che alcune di esse propongono sul mercato. Si tratta soltanto di alcuni flash che proponiamo solo per dare un’idea; non intendiamo in questo intervento fare una rassegna esaustiva.

 

BAYER VEGETABLE SEEDS

Pianta vigorosa, elevata produttività, buona resistenza al Fusarium e all’oidio, raccolta concentrata, bella presentazione e ottima conservabilità del frutto: sono i punti di forza Tarchon F1 (Nun 32121), retato italiano medio precoce da serra/tunnellino proposto da Bayer Vegetable Seeds. Il frutto è ovale, con retatura densa e stabile e meridiani di colore verde scuro, con lenta evoluzione del colore della buccia in conservazione; si distingue per il buon livello Brix e l’alta consistenza.

Le epoche dei trapianti sono: al Nord, in serra dal 25 febbraio al 20 marzo, in tunnel dal 20 marzo al 20 aprile; al Sud, in serra dal 15 febbraio al 10 marzo, in tunnel dal 10 marzo al 10 aprile. HR: Fom: 0,1,2 – IR: Gc/Px:1,2,5.

 

CLAUSE

Ciclo precocissimo con pianta vigorosa, molto rustica e produttiva; produzione molto elevata e concentrata; resistenza molto forte all’oidio (è una IR, ma a livelli molto alti); frutti di aspetto molto elegante e attraente, di altissima qualità interna per Brix e aroma durante tutto l’arco produttivo e di elevata conservabilità post raccolta. Questi gli elementi distintivi di Ottavio F1, retato italiano classico che Clause ha in lancio commerciale. La rusticità generale della pianta, verso avversità climatiche e patologiche, è dovuta a uno sviluppo molto elevato dell’apparato radicale, che la rende molto forte contro le malattie di debolezza (Fusarium, Verticillium, ecc.).

Il posizionamento prioritario riguarda le coltivazioni precoci di serra, tunnel, tunnellino e sotto tessuto non tessuto (per ognuno di questi segmenti è indicato per i primi trapianti). Le aree di coltivazione maggiormente interessate sono al Nord Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, al Centro-Sud Campania, Lazio, Puglia, Sicilia, Sardegna.

Oltre a un elevato grado Brix Ottavio F1 possiede anche un ottimo aroma (retrogusto) che lo rende gradevole al consumo (particolare non sempre presente nei meloni precocissimi). HR: Fom: 0,1,2 – IR: Gc/Px:1,2,3,5.

ENZA ZADEN

Kabayon F1 (E25S.7003), un Cantalupo retato suturato ESL a buccia gialla, a ciclo medio, adatto per coltura protetta, è la novità di Enza Zaden. La pianta è forte, ben bilanciata, caratterizzata da una abbondante emissione di getti ascellari e da un’ottima capacità di allegagione.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 18/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento