Fusariosi della spiga annata da micotossine?


www.terraevita.it

La fusariosi della spiga, malattia causata da un complesso di funghi appartenenti al genere Fusarium (Fusarium graminearum, F. culmorum) è, da tempo, diventata la malattia chiave sia su frumento tenero sia, negli areali di coltivazione del centro-Italia, su frumento duro.

Ciò è legato alla capacità del fungo di sviluppare micotossine pericolose per l’uomo e gli animali domestici e al fatto che alcune di queste come per esempio il DON (deossinivalenolo) possono essere presenti sulle partite di cariossidi in misura inferiore ai limiti massimi ammessi a livello europeo (1.250 ppb di DON per la granella di frumento tenero e 1.750 ppb per quello duro).

Pratiche agronomiche

Il controllo efficace di questa avversità tuttavia, non può prescindere:

–   dall’interramento dei residui vegetali infetti della coltura precedente (minimum tillage e no-tillage favoriscono enormemente il rischio di fusariosi);

–   da una corretta rotazione colturale (il ristoppio o la precessione con altri cereali come sorgo o mais da granella sono pratiche che favoriscono la malattia);

–   da una oculata scelta varietale (alcune varietà risultano particolarmente sensibili alla malattia).

Il controllo chimico della malattia è indispensabile, soprattutto durante primavere particolarmente piovose che intercorrono nel periodo di spigatura del grano (negli ambienti cerealicoli del centro nord approssimativamente tra la fine di aprile e la prima settimana di maggio in funzione dell’andamento climatico e delle varietà).

 

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 25/2015  L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento