Fertilizzazione sostenibile, tre regole importanti

Assofertilizzanti (Federchimica) ha preso spunto dalla Giornata Mondiale dell’Ambiente per ricordare l’importanza di un approccio sostenibile all’agricoltura, per una migliore tutela del territorio


fertilizzazione

In occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, Assofertilizzanti, che aderisce a Federchimica, rinnova il suo impegno per un utilizzo razionale, efficiente e sostenibile dei fertilizzanti in agricoltura, ricordando le tre regole d’oro per una fertilizzazione che preservi in toto l’ambiente:

1)  Comprendere al meglio le esigenze nutrizionali della pianta. Le graminacee, ad esempio, essendo “depauperanti” tendono ad assorbire alti quantitativi di nutrienti dal suolo e, se non opportunatamente nutrite, dopo la loro raccolta tendono a lasciare il terreno particolarmente impoverito. Leguminose come piselli, fagioli e lenticchie sono invece “miglioratrici”, e riescono ad arricchire il suolo di sostanza organica aumentandone il livello medio di fertilità.

2)   Conoscere il contesto ambientale.  Alcuni suoli sono naturalmente ricchi o deficitari di un particolare elemento. Anche l’andamento meteorologico è da considerare un fattore chiave, in quanto può influenzare la mobilità dei nutrienti nel suolo e il loro assorbimento da parte delle piante.

3)   Utilizzare in maniere corretta i prodotti. Un agricoltore correttamente formato e informato non conosce solamente le caratteristiche chimiche dei concimi che utilizza, ma anche le modalità e le tempistiche di distribuzione.

Assofertilizzanti ricorda che la tutela dell’ambiente è possibile anche grazie alle sinergie sempre più positive tra la mano dell’uomo e l’innovazione scientifica. Riconoscere il ruolo di un’agricoltura innovativa e sostenibile, che permetta di dare valore al territorio e preservare le risorse naturali, è uno degli obiettivi dell’Associazione.

 


Pubblica un commento