Il decreto digestato approda in gazzetta

Sarà possibile l’uso agronomico in campo



Via libera al decreto digestato a più di un mese dalla firma da parte del ministro Maurizio Martina. Sulla Gazzetta ufficiale n. 90 del 18 aprile scorso è stato infatti pubblicato il decreto 25 febbraio 2016 “Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue, nonché per la produzione e l’utilizzazione agronomica del digestato”.

Le principali novità del decreto sono la possibilità di utilizzare agronomicamente il digestato frutto della digestione anaerobica degli effluenti di allevamento e di una serie di materie tra cui scarti vegetali e alcuni scarti dell’agroindustria; la bipartizione del digestato in agrozootecnico e agroindustriale; il divieto di utilizzazione agronomica del digestato prodotto da colture che provengano da siti inquinati; l’introduzione di una graduale limitazione all’uso di colture no-food.


Pubblica un commento