Il Corpo forestale entra nell’Arma dei Carabinieri

Approvata la nuova collocazione dal consiglio dei Ministri, nell’ambito della riforma della pubblica amministrazione


forestale

Il consiglio dei ministri ha approvato definitivamente, nell’ambito della riforma della pubblica amministrazione, la nuova collocazione del Corpo forestale dello Stato nell’Arma dei Carabinieri per ridurre i corpi da 5 a 4.

Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha fatto notare che quello che sembrava impossibile in materia di semplificazione si sta realizzando nel nostro paese.

La riforma del corpo forestale è stata fatta per “evitare sprechi e duplicazioni”, ha precisato il ministro della semplificazione Marianna Madia.

Il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha sottolineato che la riorganizzazione prevede appunto che il Corpo forestale dello Stato sia parte dell’arma dei carabinieri con un comando specifico che opererà sul fronte alimentare, forestale, ambientale con l’obiettivo di rafforzare il fronte di tutela di questi ambiti con un organico di 8000 unita’. Martina ha definito tale comando “una realtà tra le più interessanti in campo internazionale”.

Il ministro ha anche annunciato che nell’ambito del Mipaaf nasce una direzione specifica per le politiche forestali.

Martina ha infine ringraziato il capo del corpo forestale Cesare Patrone e tutto il personale per il contributo alla conclusione della riforma.


Pubblica un commento