Consiglio Ue, nuovo pacchetto contro le crisi

Stanziati 500 milioni di euro per latte e aumento dei prezzi di ritiro dell’ortofrutta. Per l’Italia anche 21 milioni per interventi strutturali. Gli anticipi dei premi Pac vengono aumentati dal 50 al 70%


latte

Oggi, 18 luglio, il ministro Maurizio Martina ha partecipato a Bruxelles al Consiglio dei ministri dell’Agricoltura dell’Unione europea. Durante la riunione la Commissione europea ha presentato un nuovo pacchetto di azioni per i settori in crisi, così come fortemente richiesto dall’Italia insieme a Francia, Spagna e Germania.

Per il comparto lattiero caseario si è stabilito un nuovo intervento da 500 milioni di euro complessivi. 150 milioni di euro serviranno a finanziare a livello europeo la programmazione produttiva volontaria, con l’intento di contenere la produzione e arrestare il calo dei prezzi alla stalla. La misura sarà attiva da metà settembre.

La Commissione ha inoltre stanziato 350 milioni su azioni più flessibili a livello nazionale. All’Italia vengono destinati 21 milioni di euro che potranno essere utilizzati per sostenere regimi di qualità, incentivare gli allevamenti al pascolo, introdurre misure di supporto al credito o favorire aggregazione e cooperazione tra allevatori.

Per il comparto ortofrutticolo è stato stabilito un aumento dei prezzi di ritiro di mercato, decisione più volte sollecitata dall’Italia e che sarà definita nel dettaglio con atti delegati.

Per venire incontro alle esigenze degli agricoltori gli anticipi dei premi Pac vengono aumentati dal 50 al 70%.

«Le proposte del Commissario Hogan – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – vanno nella direzione da noi indicata per dare risposte concrete agli allevatori e agli agricoltori. Finalmente non solo misure spot, ma anche potenzialmente interventi strutturali per affrontare la crisi del settore lattiero. C’è il sostegno alla programmazione produttiva del latte che varrà per tutta Europa con tempi e risorse certe, sul quale avremmo voluto ancora più coraggio da parte della Commissione. Il budget da 350 milioni su misure flessibili, anche di medio periodo, in qualche modo disegna un primo punto di partenza per la costruzione di una Ocm Latte ed è importante che sia indirizzato per la salvaguardia soprattutto dei piccoli produttori. Per l’Italia significa uno stanziamento da circa 21 milioni di euro, che utilizzeremo anche per un supporto alla crisi del latte ovino».


Pubblica un commento