Clima, ancora una primavera anomala

L’Isac-Cnr segnala un’anomalia di temperatura di +1,9°C rispetto alla media del periodo di riferimento. Il deficit di pioggia invece ha raggiunto il 50%. E Coldiretti stima un danno di oltre 1 miliardo di euro nelle campagne


Siccità

Con la fine di maggio si è chiusa, dal punto di vista meteorologico, la primavera 2017.

Per il nostro Paese, secondo i dati Isac-Cnr (l’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima), si è trattato della seconda primavera più calda dal 1800 ad oggi, con  una anomalia di +1,9°C rispetto alla media del periodo di riferimento  1971-2000, preceduta solo dalla primavera 2007 (+2,2°C).  I singoli mesi hanno fatto registrare tutti e tre anomalie positive pari a  +1,6°C per aprile e maggio (17° e 14° più caldo dal 1800 ad  oggi, rispettivamente) e +2,5°C per marzo (quarto più caldo di sempre).

Per quanto riguarda le precipitazioni maggio è stato l’ennesimo mese che  ha fatto registrare precipitazioni al di sotto della media, portando la  primavera 2017 ad essere la terza più asciutta dal 1800 ad oggi, con un  deficit di quasi il 50% rispetto alla media del periodo di riferimento  1971-2000.

Ciò non fa che aggravare una situazione siccitosa che si protrae ormai  dall’inizio dell’inverno: a parte una parentesi di abbondanti  precipitazioni nel mese di gennaio al centro-sud, è infatti da dicembre  2016 che si registrano continuamente anomalie negative di precipitazioni,  soprattutto al nord, tanto che il semestre dicembre 2016 – maggio 2017 è  risultato essere il quinto più secco (con un deficit di oltre il 30%) se  confrontato con il medesimo periodo degli anni passati dal 1800 ad oggi.

Coldiretti ha commentato i dati del Cnr stimando in oltre un miliardo di euro i danni provocati nelle campagne. «Se nubifragi e grandine – sottolinea la Coldiretti – hanno colpito a macchia di leopardo le campagne della Penisola distruggendo coltivazioni prossime al raccolto, dal Veneto all’Emilia-Romagna, dal Piemonte alla Lombardia, dalla Toscana al Lazio, dalla Campania alla Puglia fino in Sardegna si stanno facendo i conti con una situazione di grave siccità che sta compromettendo i raccolti, dagli ortaggi alla frutta, ma anche il mais e i foraggi per l’alimentazione degli animali».


Pubblica un commento