Capitale umano, il vero plus

Alla 14a edizione del Forum della Compagnia delle Opere (Cdo) agroalimentare l’economista Zamagni: «Il mercato non è volatilità»


cdo_tv_05

La ricetta è semplice. E molto complessa. Giocando sulle parole, Camillo Gardini, presidente di Compagnia delle Opere (Cdo) agroalimentare, alla 14a edizione del Forum dell’associazione, rilancia il concetto d’intensificazione sostenibile, risposta alla crisi economica e, nello stesso tempo, proposta in linea con i valori che la Compagnia porta avanti da sempre. «Penso – evidenzia – a un sistema che garantisca maggiore produttività, nel rispetto di ambiente, territorio e persone».

Ed è su quest’ultimo punto che Gardini concentra il suo ragionamento. «Al Forum abbiamo presentato molte realtà agricole e alimentari di successo in tutti i settori produttivi e di tutte le aree del Paese: nella stragrande maggioranza dei casi il minimo comune multiplo, il fattore chiave dell’impresa, è la valorizzazione del capitale umano, partendo dalla formazione per arrivare alla tutela del posto di lavoro».

Poichè – ed è stato uno dei leitmotiv del Forum – la tecnologia è ormai a disposizione di molti, ma non sono tanti coloro che in azienda hanno a disposizione risorse umane d’esperienza e valore».

Certo il quadro è complesso e l’agricoltura un settore «pieno di dilemmi», come ha ricordato l’economista Stefano Zamagni.

«Oggi siamo 7,5 miliardi di persone, nel  2050 saremo 9 miliardi. L’agricoltura dovrà aumentare del 70% per poterli sfamare. E qui, primo  dilemma, produzione o sostenibilità?

Gli ambientalisti puntano  il dito  sull’agricoltura che da sola consuma i 2/3 dell’acqua dolce globale. Il dilemma è la scelta tra due obiettivi leciti: sfamare le  persone o tutelare  l’ambiente. Su questo problema a lungo termine tendiamo a fare come gli struzzi. Ma occorre, invece, intervenire».

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 5/2017 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento