Bioenergie, al via la fattura elettronica

Dal 21 settembre il Gse ha attivato la fatturazione elettronica anche per ritiro dedicato, tariffa onnicomprensiva, certificati verdi, tariffa fissa onnicomprensiva, certificati bianchi da CAR; resta escluso solo lo scambio sul posto


fattura

Dal 31/3/2015 è obbligatoria l’emissione della fattura in formato elettronico nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni, che quindi non accettano più – e non pagano – le fatture cartacee; tra queste rientra anche il Gse.

La fattura elettronica (fatturaPA) è generata in formato XML, firmata digitalmente e poi trasmessa in via telematica tramite il sistema di interscambio SDI, a cui si accede a mezzo PEC, Entratel o Fisconline.

A questo proposito il Gse ha attivato dallo scorso 20 luglio l’apposita funzionalità nel proprio portale, provvedendo per conto dei produttori a emettere le fatture in formato XML, a firmarle digitalmente e a trasmetterle al sistema di Interscambio. L’attivazione della procedura della fatturazione elettronica è graduale: dal 20 luglio scorso è diventata operativa limitatamente alla cessione di energia derivante da impianti incentivati ai sensi del Dm. 6/7/2012 (fonti diverse dal fotovoltaico).

A partire dal 21 settembre il Gse ha attivato la fatturazione elettronica anche per i regimi di: ritiro dedicato, tariffa onnicomprensiva, certificati verdi, tariffa fissa onnicomprensiva, certificati bianchi da CAR. Per il meccanismo di scambio sul posto rimangono, per il momento, le consuete modalità di fatturazione.

Ricordiamo che alle fatture elettroniche deve essere attribuita una numerazione progressiva e separata rispetto a quella utilizzata per le fatture su carta e che alle cessioni di energia elettrica non si applica l’Iva (per effetto del reverse charge). I produttori sono inoltre tenuti ad effettuare la registrazione e la conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche, direttamente o tramite intermediario, per la durata previstoa per legge.

Leggi l’articolo su Terra e Vita 38/2015 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento