Barilla sigla accordo per grano duro di qualità

Presentato a Foggia il nuovo accordo di coltivazione triennale che impegna l’azienda di Parma ad acquistare nei prossimi tre anni ben 900.000 tonnellate di frumento


barilla

Assicurare la disponibilità e la qualità del grano duro, migliorando il livello delle produzioni locali e riducendo il ricorso alle importazioni. Aumentare la redditività delle aziende agricole, anche attraverso l’accesso ai finanziamenti del Mipaaf, e allo stesso tempo ridurre l’impatto sull’ambiente attraverso l’adozione di pratiche sostenibili definite da un rigoroso disciplinare di produzione. Sono alcuni dei benefici dei contratti di coltivazione del grano duro stipulati dal Gruppo Barilla con gli agricoltori italiani per le campagne agrarie 2016-2017, 2017-2018 e 2018-2019. L’accordo triennale, presentato presso lo stabilimento Barilla di Foggia, impegna l’azienda di Parma ad acquistare nei prossimi tre anni ben 900.000 tonnellate di grano duro italiano.

«Questo accordo dimostra che c’è un modo virtuoso di sostenere l’agricoltura nazionale della filiera grano-pasta – ha sostenuto Luca Virginio, responsabile Comunicazione e relazioni esterne del gruppo Barilla -. Attraverso questi contratti di coltivazione riusciremo finalmente ad aumentare la produzione di grano duro italiano di qualità e a remunerare adeguatamente gli agricoltori, che potranno anche programmare al meglio lo sviluppo di mezzi e risorse. Allo stesso tempo avremo una riduzione dell’impatto ambientale grazie alla crescita del progetto “Grano duro sostenibile”, in linea con la nostra mission “Buono per te, Buono per il pianeta”».


Pubblica un commento