Assunzioni congiunte operai, una sola denuncia trimestrale

L’Inps spiega le nuove modalità operative. Invio entro il 30 gennaio


denuncie

Recentemente l’Inps, con messaggio n. 7635 del 28 dicembre 2015, ha specificato ulteriormente e fornito chiarimenti in ordine alle procedure di denuncia contributiva trimestrale per la nuova casistica delle assunzioni congiunte di operai agricoli.

Infatti come già diramato (vedi circolare Inps n.131/2015) a partire dalla denuncia contributiva relativa al IV trimestre 2015 (da presentare all’Inps con modalità telematiche entro il 30 gennaio) si dovranno utilizzare le nuove modalità operative per la denuncia (mod. DMAG) illustrate nella citata circolare.

L’inps ricorda agli utenti che una volta ottenuto l’apposito codice CIDA specifico per le assunzioni congiunte – previa presentazione della prevista Denuncia aziendale, utile alla identificazione dei datori di lavoro per i quali si intende valevole l’assunzione congiunta – il soggetto incaricato degli adempimenti (il cosiddetto Referente unico) ha l’onere di presentare un’unica denuncia trimestrale della manodopera occupata (mod. DMAG) e ciò per conto di tutti i co-datori di lavoro interessati e avente ad oggetto le assunzioni effettuate congiuntamente. Secondo le regole diramate dall’Istituto quindi si dovrà, da parte del referente unico, presentare una dichiarazione trimestrale DMAG propria e destinata unicamente alle assunzioni congiunte, all’uopo utilizzando il codice “tipo ditta” 55 .

Cosa deve contenere la denuncia

Si rammenta altresì che nel caso in cui il referente unico avesse, nel proprio organico aziendale, dipendenti operanti in modo esclusivo presso la propria realtà aziendale, questi dovrà presentare un’ulteriore denuncia trimestrale con le ordinarie modalità.

In aggiunta allo specifico codice CIDA per le assunzioni congiunte (cd. Super CIDA), il relativo modello DMAG dovrà riportare anche il Codice CIDA e il codice fiscale (o la p. Iva) di tutti i co-datori di lavoro presso i quali il lavoratore ha prestato la propria attività lavorativa, nonché il codice del modello per la comunicazione obbligatoria di assunzione (UNILAVCong); la prevista dichiarazione trimestrale dovrà quindi riportare il numero di giornate lavorate nei mesi oggetto della denuncia, ripartite tra le singole aziende co-datrici, secondo l’utilizzo che hanno fatto del lavoratore nel periodo di riferimento.

Sulla base delle istruzioni del ministero del Lavoro precisiamo che la busta paga del lavoratore utilizzato congiuntamente dovrà essere unica e redatta dal Referente unico.

L’Inps specifica poi come nell’area riservata ai servizi telematici del sito www.inps.it (nella sezione DOCUMENTAZIONE del link “Modelli DMAG: trasmissione telematica), è in visione il documento concernente le specifiche tecniche di invio della denuncia DMAG.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 04/2016 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento