Antonio Carraro è cresciuto del 10% rispetto al 2014

Grazie ad una nuova serie di trattori per l’agricoltura specializzata ha fatturato 76 milioni di euro


Antonio Carraro

Torna il sereno sul bilancio dell’azienda Antonio Carraro che chiude l’anno 2015 con un fatturato di 76 milioni e un Ebitda vicino al 10%, segnando un aumento del 10% rispetto al fatturato 2014 e performance aziendali oltre le aspettative. Numeri ottenuti grazie a una buona annata di vendite caratterizzata dal lancio delle nuove serie di trattori per l’agricoltura specializzata, a un forte consolidamento della rete distributiva e al completamento della razionalizzazione della struttura dei costi.

Grazie all’importante apporto di denaro (8 milioni di € in 12 mesi) da parte della famiglia Antonio Carraro, l’azienda si appresta ad affrontare con serenità un 2016 (in cui è previsto un ulteriore significativo aumento del fatturato) che si prefigura denso di novità, sia per quanto riguarda i prodotti, con il lancio della nuova serie di trattori di alta gamma a trasmissione continua destinati all’agricoltura di precisione; sia per quanto riguarda l’aumento delle vendite nei mercati in ascesa (Turchia, Marocco, Serbia e i Paesi dell’Area Balcanica); sia per quanto riguarda gli investimenti che interesseranno vari reparti dell’azienda. In particolare l’area Ricerca & Sviluppo vedrà l’introduzione di un nuovo sistema informatico per la progettazione.

Gli investimenti infine riguardano il potenziamento dei reparti Sat/ricambi con l’introduzione di nuovi tecnici specializzati dedicati al supporto dei dealer della rete di vendita. A febbraio 2016 si registrano 340 addetti, numero destinato a salire nei mesi a venire grazie a un costante trend positivo della raccolta ordini.


Pubblica un commento