Anbi, Vodafone e Cesi, gestione irrigua all’avanguardia

Una rete di sensori lungo gli oltre 180mila km della rete idraulica gestita dai 144 Consorzi di bonifica italiani aiuterà a gestire le emergenza idrauliche e le criticità idriche


acwuaok

«La gestione irrigua è un fattore fondamentale per l’agricoltura del futuro – spiega Francesco Vincenzi, presidente dell’Associazione nazionale Consorzi gestione tutela territorio e acque irrigue (Anbi), intervenuto nel corso della prima Giornata nazionale dell’Innovazione per l’irrigazione, svoltasi ad “Acqua Campus”, sito di ricerca applicata del Cer (Canale emiliano-romagnolo), a Mezzolara di Budrio (Bo) – soprattutto se consideriamo che l’acqua è il fattore di produzione fondamentale per le produzioni del “made in Italy” agroalimentare, con un valore di 267 miliardi di euro in produzione, 38 miliardi export, 3,3 milioni di lavoratori, che rappresentano il 13,2% degli occupati del nostro paese».

Anbi intende voltare pagina e lo fa attraverso il lancio di due innovativi progetti di portata mondiale, con partner come Vodafone e Cesi (società di ingegneria di Enel).

Vodafone, a fronte della forte crescita del mercato dei dati (big data), metterà a punto la realizzazione di una rete di sensori  lungo gli oltre 180mila km della rete idraulica, gestita dai 144 Consorzi di bonifica italiani, finalizzata a monitorare la disponibilità d’acqua per ottimizzarne l’utilizzo e, nel caso, aiutare a gestire le emergenza idrauliche e le eventuali criticità idriche.

Bisogna considerare che, oltre al monitoraggio della quantità di acqua e della sua distribuzione, anche la qualità dei corpi idrici rappresenta un dato fondamentale per il suo utilizzo più appropriato. Perciò Cesi propone la realizzazione di un registro, con un data base puntualmente aggiornato, per la contabilizzazione dei crediti, legati alla qualità dell’acqua gestita dai Consorzi di bonifica, da offrire sui mercati finanziari internazionali, ma privilegiando quelli locali, per ottemperare agli impegni,  derivanti dal Protocollo di Kyoto, per il contenimento delle emissioni di anidride carbonica (carbon tax).

Nella foto: Acqua Campus, l’area dimostrativa tecnologie irrigue del Cer.


Pubblica un commento