Acquisto terreni e accesso alla riserva

Un caso di contratto di comodato e assegnazione dei titoli


terreni

Domanda

Ho comprato da poco un terreno di 40 ettari senza titoli, in comproprietà con due fratelli e con agevolazioni fiscali.

Tutti e tre abbiamo altri terreni con relativi titoli. L’unico modo per ottenere titoli da riserva è quello di aprire una nuova ditta con relativa partita Iva a mio figlio di anni 24 e darli a lui in comodato gratuito. Posso darli in comodato senza perdere le agevolazioni fiscali?

Nel 2018 non avrò disponibilità a dargli 40 ettari ma bensì 30 ettari in quanto 10 ettari servono a me per scadenza fitto di un altro terreno. Ricorrerà mio figlio in delle penalità richiedendo nel 2017 titoli per 40 ettari e nel 2018 titoli per 30 ettari?

 

Risposta

Il lettore pone due quesiti:

  1. comodato e agevolazioni fiscali;
  2. utilizzo dei titoli assegnati dalla riserva nazionale.
  3. Comodato e agevolazioni fiscali

Sebbene nel quesito siano citate non meglio precisate agevolazioni fiscali, si può ritenere che il soggetto interessato abbia voluto riferirsi a quelle in tema di piccola proprietà contadina, le quali, attualmente, sono previste dall’articolo 2, comma 4-bis, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, e sono state confermate a regime dall’articolo 1, comma 609, della legge n. 147 del 2013 (legge di stabilità 2014).

In particolare, ai sensi della predetta normativa, agli atti di trasferimento di terreni agricoli e relative pertinenze posti in essere a favore di coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali, iscritti nella relativa gestione previdenziale ed assistenziale, si applicano le imposte di registro ed ipotecaria nella misura fissa e l’imposta catastale nella misura dell’1%.

La norma di riferimento stabilisce che i beneficiari decadono dalle agevolazioni in parola se, prima che siano trascorsi cinque anni dalla stipula degli atti:

– alienano volontariamente i terreni;

– cessano di coltivarli o di condurli direttamente.

Tuttavia, a tale regola generale, costituisce un’eccezione la previsione contenuta nell’articolo 11, comma 3, del decreto legislativo n. 228 del 2001. Più precisamente è previsto che non decade dai benefici l’acquirente che, durante il periodo vincolativo (cinque anni), ferma restando la destinazione agricola, aliena il fondo o conceda il godimento dello stesso a favore del coniuge, di parenti entro il terzo grado o di affini entro il secondo grado, che esercitano l’attività di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile.

L’uso delle parole “conceda il godimento” farebbe propendere per ritenere che la stipula del contratto di comodato da parte del soggetto beneficiario a favore del figlio rientri nella fattispecie prevista dal citato articolo 11 e, pertanto, non dovrebbe dare luogo a decadenza dalle agevolazioni ottenute, a condizione che il figlio eserciti sui terreni oggetto di comodato l’attività agricola di cui all’articolo 2135 del codice civile in qualità di imprenditore agricolo.

  1. Utilizzo dei titoli assegnati dalla riserva nazionale

Il lettore intende dare in comodato il terreno di 40 ettari al figlio (24 anni), il quale presenterà una domanda di accesso alla riserva nazionale come “giovane agricoltore” (fattispecie A della riserva nazionale).

Il figlio riceverà i titoli dalla riserva nazionale, in quanto la normativa prevede che la fattispecie A della riserva nazionale deve essere accolta integralmente.

Nel 2018, il figlio potrà contrarre solo su 30 ettari di terreno in comodato, poiché il padre necessita di 10 ettari di terreno. In tale situazione, nel 2018, il figlio potrà beneficiare del pagamento solamente di 30 titoli, senza incorrere in nessuna penalità.

Tuttavia occorre ricordare che i 10 titoli non utilizzati rimangono nel “portafoglio titoli” per un anno di mancato utilizzo. Dal secondo anno di mancato utilizzo, i 10 titoli vengono persi.

 

Leggi la risposta di Angelo Frascarelli su Terra e Vita 16/2017 L’Edicola di Terra e Vita


Pubblica un commento